Viaggi all’estero: luoghi non sicuri e qualche buona notizia

Estate. Tempo di  ferie e di vacanze. Chi ne ha la possibilità, in questo periodo, si guarda intorno e consulta la rete, per ottenere le informazioni necessarie ad organizzare il proprio viaggio.

Ci è sembrato perciò opportuno raccogliere in un articolo alcune indicazioni relative a luoghi che attualmente non sono sicuri per viaggiare, ma anche qualche buona notizia.

L’elenco comincia dalle situazioni più difficili, condizionate dalla situazione politica internazionale:

siria-teatro-romano

Siria: la guerra civile siriana – un conflitto che vede contrapposte militarmente le forze governative e quelle dell’opposizione – iniziata nel 2011 e tutt’ora in corso. L’ondata delle proteste anti-governative in Siria rischia di mettere a repentaglio il boom dell’industria turistica di un paese diventato, negli ultimi anni, meta prediletta degli appassionati di archeologia e di storia antica. Crocevia tra Oriente e Occidente, con una storia millenaria visibile nelle grandi rovine da ammirare ripercorrendo deserti, oasi e vallate, la Siria vanta gioielli artistici come Damasco, ma anche Aleppo, Palmira, Ebla e altri tesori di epoca romana. Nonostante questa drammatica situazione di guerra, il governo siriano mette in atto azioni volte a sostenere l’afflusso turistico nel paese, che a gennaio del 2011 accoglieva oltre otto milioni di visitatori internazionali. Inutile precisare che i viaggi in Siria non sono attualmente sicuri: ci auguriamo che presto la situazione si normalizzi e che in questo meraviglioso paese si possa tornare presto a vivere serenamente e, perché no, a viaggiare.

tel-aviv

Israele: Dopo i fatti degli ultimi mesi – il rapimento e l’uccisione di tre ragazzi israeliani e l’immediata reazione del governo di Israele – si è riacceso il mai sopito conflitto israeliano-palestinese. Gli sviluppi di questa situazione politica hanno condotto l’agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa) a raccomandare fortemente alle compagnie aeree di evitare voli da e per Tel Aviv.  Il “consiglio” di Easa è stato seguito da tutte le compagnie di volo Usa, Lufhtansa, Air France e Alitalia, che hanno fatto sapere di aver già sospeso tutti i voli per Tel Aviv per preoccupazioni circa la sicurezza.

Spazio aereo ucraino:  Dopo l’incidente del volo MH 17, tutte le compagnie aeree hanno cominciato ad evitare lo spazio aereo sopra l’Ucraina a causa della guerra in corso. La compagnia aerea Malaysia Airlines ha cambiato la rotta del volo tra Londra e Kuala Lumpur, dopo la chiusura dello spazio aereo sull’Ucraina. Da domenica, gli aerei  in quella tratta ora sorvolano la Siria.

aeroportoU.S.A.: Telefoni, laptop e altri supporti informatici imbarcati negli Stati Uniti – ma forse anche con destinazione USA dall’Italia –  dovranno essere accesi per i controlli. Quindi dovranno essere carichi, diversamente potrebbero essere confiscati. I passeggeri che si trovano negli aeroporti da cui decollano voli diretti per gli Stati Uniti potrebbero essere costretti ad accendere i loro cellulari ed altri dispositivi elettronici per dimostrare agli addetti alla sicurezza che non contengono esplosivi. Queste norme si inseriscono nell’ambito delle nuove azioni anti-terrorismo messe in atto dal governo USA.

E ora, per concludere, qualche buona notizia:

aereo-ryanair

Ryanair: Era una notizia che girava nell’aria da tempo ma solo pochi giorni fa se n’è avuta l’ufficialità. La Ryanair continua nella sua opera “friendly” e si avvicina sempre di più alle richieste del passeggero. Da oggi la carta d’imbarco sarà valida anche in formato web o mobile, ovvero presentandola in formato digitale, sul proprio smartphone o tablet.

Continua l’impegno della compagnia low cost irlandese che dopo aver aggiunto un bagaglio a mano extra, la possibilità di scegliere i posti a sedere ed aver abbassato alcuni costi per le “penali” si avvicina al popolo dei viaggiatori lasciandogli la comodità di viaggiare anche senza stampare la carta d’imbarco, ma semplicemente scaricandola sul proprio cellulare in formato PDF o mostrarla sullo schermo del proprio dispositivo elettronico anche in modalità offline.

egitto-mar-rossoSharm el Sheik: ” Sharm el Sheik è sicuro”. E’ questa la sintesi del comunicato stampa pubblicato sul sito viaggiare sicuri. La Farnesina ha tolto lo sconsiglio per i resort situati nella località turistica di Sharm el Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso. Le autorità egiziane lavorano ormai da mesi per garantire il massimo livello di sicurezza in queste località turistiche e alta è la soddisfazione per Confindustria Viaggi, visto che la meta egiziana è una delle destinazioni cruciali del panorama turistico internazionale. Si rinnova invece la raccomandazione ad evitare viaggi non indispensabili in Egitto in località diverse dai resorts situati a Sharm, sulla costa continentale del Mar Rosso e nelle aree turistiche dell’alto Egitto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...